brown sailing ship near building

Soprannominata la “Perla dell’Adriatico”, la bellissima città di Dubrovnik offre una vasta gamma di intriganti attrazioni da esplorare. Dubrovnik è stata fondata nel VII secolo ed è stata governata nei secoli da veneziani e ungheresi, ognuno dei quali ha lasciato il segno. La città conobbe la sua maggiore crescita nel XV e XVI secolo, un fatto che si riflette nell’imponente architettura e nella sua designazione come patrimonio mondiale dell’UNESCO. Quindi cosa c è da vedere a Dubrovnik?

1.cosa c è da vedere a Dubrovnik: Le mura della città vecchia

cosa c è da vedere a Dubrovnik:
Le mura della città vecchia

Le mura della città vecchia di Dubrovnik sono una delle sue caratteristiche più note, ora più che mai grazie alla presenza nella serie TV di successo, Il Trono di Spade . Costruite nel X secolo e modificate nel XIII e XIV secolo, queste formidabili mura, alte in alcuni punti fino a sei metri e spesse fino a sei metri, fornivano una solida difesa contro gli invasori. Con una lunghezza totale di quasi due chilometri, le mura della città di Dubrovnik sono il luogo ideale per una passeggiata informale e offrono numerose viste eccellenti sull’Adriatico e sul centro storico della città.

I punti salienti lungo il percorso includono la Torre Bokar (Tvrdava Bokar), il Forte Lovrjenac, la Fortezza Revelin e la Torre Minceta (Tvrdava Minceta) spiegate in dettaglio di seguito.

Nota che le mura della città salgono e scendono, quindi la distanza relativamente breve di due chilometri è un lavoro ingannevolmente caldo e sudato in piena estate. Se hai intenzione di fare l’intero percorso, che è consigliato, assicurati di iniziare presto prima del caldo del giorno. Eviterai anche la maggior parte della folla. La tariffa per accedere alle mura è sorprendentemente costosa ma un investimento utile.

2. cosa c è da vedere a Dubrovnik: lo Stradun

cosa c è da vedere a Dubrovnik:
Stradun di Ragusa

Lo spettacolare Stradun , noto anche a Dubrovnik come Placa , è un luogo dove la gente del posto e i visitatori si riuniscono giorno e notte per osservare il mondo alla deriva. Indubbiamente una delle strade pedonali più pittoresche d’Europa, lo Stradun vanta numerosi caffè e ristoranti ed è un buon posto per fare shopping o per riposare i piedi stanchi dopo una giornata trascorsa a visitare Dubrovnik.

Lunga 300 metri e famosa per la sua pavimentazione in calcare bianco, la strada risale al 1468, anche se molti degli edifici circostanti furono costruiti nel XVII secolo dopo il devastante terremoto del 1667, quando la maggior parte di Dubrovnik fu gravemente danneggiata.

Le case uniche dello Stradun sono progettate per consentire la vita residenziale al piano superiore e le attività commerciali al livello principale e sono note per avere le porte e le finestre principali sotto lo stesso arco.

A pochi passi dallo Stradum, in una delle strade laterali, War Photo Limited è un affascinante museo fotografico che mostra le immagini degli innumerevoli conflitti armati in cui l’umanità si è trovata coinvolta.

3. cosa c è da vedere a Dubrovnik: Cattedrale e Tesoro di Dubrovnik

Cattedrale e Tesoro di Dubrovnik

Situata sul sito di una cattedrale più antica risalente al VI secolo che fu distrutta dai terremoti, la bellissima Cattedrale di Dubrovnik, chiamata anche Cattedrale dell’Assunzione (il suo nome completo è Cattedrale dell’Assunzione della Vergine Maria, o Katedrala Velike Gospe in Croato)–è stato progettato in stile barocco da Andrea Buffalini di Roma.

Notevole per le sue tre navate, le tre absidi e gli splendidi arredi interni, la cattedrale comprende opere d’arte come dipinti di artisti italiani e dalmati dal XVI al XVIII secolo, tra cui la Vergine della Cattedra di Raffaello dell’inizio del 1600.

Assolutamente da vedere è il Tesoro della Cattedrale (Riznica Katedrale) con le sue numerose e importanti reliquie, la più famosa è una porzione della croce su cui si pensa che Gesù sia stato crocifisso. Altre famose reliquie includono la testa, la gamba e il braccio di San Biagio, patrono della città, risalenti al XIII secolo, oltre a una splendida esposizione di 138 reliquiari d’oro e d’argento provenienti da tutto il mondo.

Indirizzo: Opcina Dubrovnik, 20000

4.cosa c è da vedere a Dubrovnik: Le porte della città

Le porte della città

Per secoli, la famosa Porta Pile di Dubrovnik ha servito da ingresso principale ed è ancora il punto di accesso più interessante a questa favolosa città vecchia. Anticamente circondata da un fossato completo di ponte levatoio costruito nel 1537, la Porta Pile, solo pedonale, uno dei due ingressi all’area di Lapad, vanta anche un piacevole giardino nell’antico fossato.

Altri punti salienti includono una statua di San Biagio situata in una nicchia nell’arco e scolpita dal famoso artista croato Ivan Meštrovic e, all’interno dei bastioni, una porta risalente al 1460.

Un’altra porta da vedere è la Porta Ploce del XIV secolo , proprio dietro la Torre Asimov. Progettato come un sistema di “doppia difesa”, si è dimostrato efficace nei momenti di difficoltà. Anche imponente e situata proprio di fronte al fossato rispetto alla Porta di Ploce è la Fortezza Revelin , costruita nel 1580.

5. Piazza della Loggia

Piazza della Loggia

Piazza della Loggia a Dubrovnik è stata a lungo un punto di ritrovo centrale per cittadini e visitatori. Con alcuni degli edifici e dei monumenti pubblici più famosi di Dubrovnik, questa ex piazza del mercato si trova nella parte nord-est del centro storico della città.

I punti salienti includono la Colonna di Orlando (orlandov stup), costruita e progettata dallo scultore Antonio Ragusino, così come la famosa Loggia delle Campane , risalente al 1480 e utilizzata come sistema di allerta precoce dai residenti in tempi di agitazione.

È qui che troverai anche la Chiesa di San Biagio , interessante per la sua facciata barocca e l’inestimabile collezione di opere d’arte. Interessanti sulla piazza anche una torre dell’orologio del XV secolo; il corpo di guardia principale; la fontanella di Onofrio ; e Palazzo Sponza , oggi sede degli archivi cittadini.

Scritto da:

Matteo Angeloni

Fotografo, social media manager, prossimo alla laurea magistrale. Ho voluto aprire questo blog per pura passione nei confronti dei viaggi, dei luoghi e delle piccole storie.