Un giorno a Oporto cosa vedere

Nel febbraio 2018 siamo andanti un giorno in Portogallo, nello specifico ad Oporto.

Oltre ad essere la terza città più grande del Portogallo, Oporto offre moltissime cose da vedere!

Il Quartiere della Ribeira a Oporto

Consigliamo di iniziare la visita di Porto partendo dalla Ribeira, il quartiere che si stende lungo il corso del fiume Douro. Non devono averci pensato molto gli ispettori dell’UNESCO quando hanno deciso di inserire la Ribeira nell’elenco dei siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Un dedalo di stradine acciottolate in ripida salita, case basse dalle facciate colorate, piazzette alberate, balconcini fioriti, panni stesi ad asciugare, vecchi fuori dalle porte, bar, ristoranti e botteghe artigianali contribuiscono a creare un paesaggio urbano unico. Nella parte bassa della Ribeira parte il ponte in ferro Dom Luis I.

Ponte Dom Luis I a Oporto

Gli allievi di Gustave Eiffel, l’autore della famosa torre di Parigi e dell’altrettanto famosa Statua della Libertà, hanno portato gli insegnamenti del maestro in molte parti del mondo.

Fu uno di questi, Téophile Seyrig, a progettare il Dom Luis I, il ponte di ferro di Porto che collega il quartiere della Ribeira con la cittadina gemella di Vila Nova de Gaia. Pochi anni prima aveva collaborato con Eiffel alla costruzione del vicino Ponte Dona Maria. Lavorò da solo alla progettazione del Dom Luis I e a giudicare dal risultato, Seyrig aveva appreso presto e bene gli insegnamenti del maestro: l’effetto scenico del ponte, soprattutto al tramonto o di notte è spettacolare. Costruito nel 1881 e aperto nel 1886, il ponte ha sempre svolto egregiamente il compito di smaltire il traffico automobilistico. Oggi nel piano più alto passano i treni della nuova metro di Porto mentre nel piano inferiore gli autobus, i tram e i pedoni. Una passeggiata lungo gli oltre 170 metri di lunghezza a picco sul Douro sono una delle cose da fare assolutamente a Porto.

La Stazione di São Bento a Oporto

Non capita molto spesso di entrare in una stazione non per prendere un treno ma solo per ammirarne l’architettura. La facciata anonima della stazione di São Bento (San Benedetto) non rivela la bellezza dell’atrio che porta ai binari.

Più di 20.000 Azulejos (piastrelle) dipinte in bianco e blu ad inizio ‘900 da Jorge Colaco, il più importante decoratore portoghese. Costruita nel luogo dove nel 1600 c’era un un monastero benedettino poi caduto in rovina, la stazione è oggi una delle attrazioni turistiche più visitate di Porto. Appena entrati si viene invasi dal colore azzurro/blu delle piastrelle che riproducono la storia dei mezzi di trasporto in ordine cronologico, dai primordi fino alla comparsa del treno. Gli pannelli di grandi dimensioni raffigurano scene della storia del Portogallo tra cui il solenne ingresso di D. João I a Porto, con la promessa sposa, D. Filipa de Lencastre.

La Libreria Lello e Irmao a Porto

Considerata da molti la libreria più bella del mondo, la “Lello e Irmao” attira turisti, la maggior parte poco interessati ai libri e molto alla straordinaria atmosfera e architettura del luogo.

Considerata una vera “Cattedrale del libro” è stata costruita alla fine del 1800 su progetto dell’ingegnere e politico portoghese Francisco Xavier Esteves. L’atmosfera magica, risultato della fusione di stile gotico e Liberty del luogo e da un uso sapiente del legno, non è sfuggiata agli scenografi di Harry Potter che hanno scelto la libreria come set per alcune riprese. Straordinaria la massiccia scala centrale in legno a forma di 8 che porta ai piani superiori dove c’è anche un caffè in cui sedersi per godersi lo spettacolo. Non meno interessante la facciata esterna in stile neo-gotico. Teoricamente nella libreria è vietato fotografare ma pare che i gestori siano abbastanza tolleranti!

Una-tantum
Mensile
Annuale

Fai una donazione una tantum

Fai una donazione mensilmente

Fai una donazione annualmente

Scegli un importo

$1.00
$2.00
$10.00
$5.00
$15.00
$100.00
$5.00
$15.00
$100.00

In alternativa inserisci un importo personalizzato

$

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

Matteo Angeloni

Fotografo, social media manager, prossimo alla laurea magistrale. Ho voluto aprire questo blog per pura passione nei confronti dei viaggi, dei luoghi e delle piccole storie.

Articoli consigliati