Estimated reading time: 5 minutes

Cosa vedere a Barcellona in 3 giorni – Barcellona è una città cosmopolita, vivace, moderna e allo stesso tempo ricca di storia e interessanti edifici architettonici che vanta ben 7 monumenti inseriti nella lista del patrimonio dell’umanità Unesco concepiti dal famosissimo architetto Antonio Gaudì.
Passeggiando lungo le vie pedonali del centro storico, sul lungomare e nelle aree verdi potrete capire come la città abbia saputo trarre il meglio dal suo passato per integrarlo con il presente e il futuro all’insegna dell’innovazione.
Altre note di merito sono la straordinaria movida, il carattere mediterraneo e soprattutto la cultura gastronomica. Pronti a fare una full immersion nella capitale catalana? Ecco cosa vedere a Barcellona

1 – Sagrada Familia

Sagrada Familia barcellonaUno dei simboli di Barcellona, il capolavoro dell’architetto Antonio Gaudì. Un ambizioso progetto ancora in divenire che sa davvero incantare grazie all’imponenza delle alte torri da cui si può godere di una vista unica sulla città e al Museo che mostra le varie fasi di lavorazione della chiesa.

Attualmente la Sagrada Familia è composto da due facciate (il progetto ne prevede tre), dai fianchi, parte dell’abside e del transetto sinistro. Il cantiere è una grande attrazione turistica con squadre di manovali e scultori aggrappati alle guglie per realizzare questo immenso tempio dedicato alla Sacra Famiglia.
La cripta conserva la tomba di Gaudì, visitabile dal museo. Quest’ultima è stanta inserita nel 2005, insieme alla Facciata della Natività, come patrimonio dell’Unesco.

E’ l’attrattiva più visitata di Barcellona, pertanto soggetta a code d’ingresso estenuanti. Se avete poco tempo a disposizione è assolutamente indispensabile acquistare in anticipo il biglietto salta fila.

2 – Parc Güell

Parc guell ingressoParc Güell è una delle mete assolutamente da non perdere a Barcellona.
Nato da un progetto del finanziere Eusebi che a inizio Novecento commissionò all’architetto Gaudì la costruzione di una grande città giardino, il parco è oggi il luogo ideale per evadere dallo stress della quotidianità e rifugiarsi in un mondo da favola tra meravigliose sculture e inconfondibili opere architettoniche.
Inserito nei Patrimoni dell’Umanità dall’Unesco, si trova sulla collina El Carmel nel quartiere Gràcia e offre una vista spettacolare sulla città.

L’area verde è accessibile gratuitamente, tuttavia le principali attrazioni sono concentrate nella zona monumentale, per la quale bisogna pagare un biglietto ingresso. Se non volete rischiare di trascorrere parecchio tempo in fila sotto al sole, si consiglia di acquistare in anticipo il biglietto d’ingresso prioritaro.

3 – Casa Batllò

esterno di casa batlloAltro capolavoro indiscusso dell’architetto Gaudì a Barcellona, la Casa Batllò è uno degli edifici più stravaganti e originali d’Europa nonché Patrimonio dell’Unesco dal 2005 e una delle sette meraviglie di Barcellona dal 2007.

L’esterno stupisce (basti pensare al tetto ricoperto di scaglie colorate a simulare la schiena di un drago e ai balconi che ricordano crani sostenuti da colonne simili a vertebre) ma le vere sorprese sono all’interno: nessuna linea retta ma un pazzo vortice di curve, onde e spirali, luce naturale in ogni singolo ambiente e massima attenzione ai dettagli.
La visita consiste in un percorso audioguidato fra i primi due piani dell’edificio tra cui il Piano Noble dove risiedeva la famiglia Batllò.

Per Casa Batllò valgono le stesse considerazioni fatte per la Sagrada Famiglia. Se avete poco tempo a disposizione procuratevi un Casa biglietto d’ingresso prioritario e preparatevi a vivere un’esperienza unica, a tratti intima e sensoriale.

4 – Barrio Gotico

barrio gotico di Barcellona

Foto di Gerardo Almeida.Il cuore medievale di Barcellona, lontano dalla frenesia della folla e dalla movida, da visitare rigorosamente a piedi.
Qui, tra stradine lastricate e vicoli, si entra in un’atmosfera unica rafforzata dall’affascinante presenza di splendidi monumenti gotici e antiche vestigia di epoca romana.
Nel Barrio si erge, in tutta la sua maestosa bellezza, la Cattedrale di Barcellona risalente al XIV secolo, fulgido esempio dello stile architettonico Gotico catalano.
Numerosi sono anche i musei da visitare senza fretta tra cui il Museo diocesano e il Museo della storia della città.

Il quartiere si può visitare gratuitamente, fra strade, piazze e angoli nascosti. Ma senza alcun dubbio l’esperienza acquista tutt’altro valore partecipando ad un tour guidato a piedi lasciando

5 – Mercato della Boqueria

Il Mercato della BoqueriaUna tappa imperdibile: il più grande mercato di Barcellona e di tutta la Spagna, colorato, animato e con una vastissima scelta di prodotti.

La Boqueria dispone di 300 chioschi che spaziano dalla frutta secca, alle verdure, pesci, carne per finire con i dolci. Sono disponibili anche un’aula gastronomica e una libreria con volumi dedicati esclusivamente alla cucina e al cibo.

La Boqueria si presenta quindi sia come luogo originale dove fare la spesa e come punto d’incontro per interessati alla cultura gastronomica.
Dal punto di vista turistico, vi è una grande proposta di tour ed esperienze interessanti. Ad esempio potrete fare un tour guidato con annessa lezione di cucina, durante la quale imparerete i segreti per realizzare la Paella perfetta.

Se l’articolo vi è piaciuto vi rimandiamo alla nostra homepage e alla nostra pagina facebook

Previous articleCosa vedere ad Amsterdam in tre giorni
Next articleCosa vedere a Bruges: la guida 2021
Fotografo, social media manager, prossimo alla laurea magistrale. Ho voluto aprire questo blog per pura passione nei confronti dei viaggi, dei luoghi e delle piccole storie.

Rispondi