cosa vedere a oporto (Portogallo)

 Porto (o Oporto), nel nord del Portogallo, è una delle città portoghesi più belle e suggestive scelta dai viaggiatori, ed è perfetta per un fine settimana fra arte, cultura, storia e degustazione. Sappiamo bene che la prima cosa che viene in mente quando si dice “Porto” è il celebre vino liquoroso specialità della zona. Dunque, ecco a voi che cosa fare a Porto (e cosa assaggiare durante il vostro soggiorno in città). [cosa vedere a porto portogallo cose da vedere a porto  cosa fare a oporto ]

cosa vedere a porto cosa vedere a porto portogallo  cose da vedere a porto  cosa fare a oporto

Ribeira e fiume Douro

Il quartiere della Ribeira è il posto giusto per iniziare la vostra giornata a Porto. La Ribeira è il quartiere più tipico di Porto, con le casettine colorate e le barchette ormeggiate lungo il fiume Douro. Per godere al meglio della vista del quartiere e del Ponte Dom Luis I, che parte poco lontano, niente di meglio che partire per un’escursione sul fiume su una di queste barchette, le tipiche barcos rabelos, uno dei simboli di Porto. Se preferite camminare, nella Ribeira troverete una miriade di negozi e botteghe tipiche dove fare shopping, e diversi bar dove fermarvi per bere… un buon Porto, naturalmente!

Ponte Dom Luis I 

Téophile Seyrig, allievo di Gustave Eiffel (quello della torre) costruì il Ponte Dom Luis I di Porto fra il 1881 e il 1886. Qualcosa della celebre tour parigina, in effetti, si riconosce in questo spettacolare ponte di 170 metri a picco sul fiume Douro, che sfrutta idee e progetti dello stesso Eiffel e che, al momento della sua costruzione, era il più lungo del mondo fra i ponti di questo tipo. È un ponte a due piani: oggi, al piano superiore passa la metropolitana di Porto, mentre quello inferiore è riservato a tram, autobus e pedoni! Se non soffrite di vertigini, una passeggiata sul Ponte Dom Luis I non può mancare durante il vostro soggiorno in Portogallo. Del resto, il ponte è, più di ogni altra attrazione, il simbolo della città di Porto!

Vila Nova de Gaia e le cantine del Porto

La seconda città più grande del Portogallo dopo la capitale Lisbona non è, come molti pensano, Porto. È invece Vila Nova de Gaia, città gemella di Porto, divisa dalla sorella più famosa dal Fiume Douro e collegata a essa dal Ponte Dom Luis. A Vila Nova de Gaia ci sono alcune attrazioni interessanti (ad esempio il bel Mosteiro da Serra do Pilar, un monastero), e alcune spiagge perfette per ritemprarsi nei mesi caldi. Soprattutto, Vila Nova de Gaia è uno degli snodi commerciali del Portogallo: qui si trova la maggior parte delle cantine e dei grandi produttori di Porto, ed è per visitarle che molti turisti si spingono fino a qui. Potrebbe mancare, al vostro viaggio a Porto, una degustazione di Porto in una cantina? Conoscete la risposta.

Stazione di São Bento 

La maggior parte delle stazioni ferroviarie sono solo luoghi di passaggio, da lasciare il più in fretta possibile. Altre sono così belle che invitano a una sosta: una di queste è São Bento, la stazione principale di Porto, collocata nel centro cittadino. L’aspetto esterno è armoniosamente integrato con l’atmosfera decadente che permea la città portoghese. Ma è l’interno il vero capolavoro: le pareti della sala di ingresso, lunga 42 metri e larga 14, sono interamente ricoperte di azulejos, le tipiche piastrelle portoghesi bianche e blu. Ne sono state usate più di 20.000 per creare spettacolari mosaici raffiguranti scene chiave nella storia del Portogallo come battaglie, ingressi trionfali, matrimoni e scene di vita popolare. La stazione ferroviaria di São Bento è un’attrazione in sé ed è anche un punto di partenza per splendide gite in giornata verso località come Braga o Aveiro. 

Se l’articolo vi è piaciuto vi rimandiamo alla nostra homepage !

Previous articleMontefiascone: cosa vedere in un weekend
Next articlecosa vedere a Pisa: ecco cosa vedere a Pisa
Fotografo, social media manager, prossimo alla laurea magistrale. Ho voluto aprire questo blog per pura passione nei confronti dei viaggi, dei luoghi e delle piccole storie.