cosa vedere a venezia con i bambini

Vi hanno detto che Venezia è perfetta per i bambini perché non ci sono auto e i piccoli possono divertirsi a salire e scendere i ponti (ve ne sono oltre 400) e a correre in libertà nei campi (le piazze veneziane)? E’ così, ma vi suggeriamo qualche accorgimento prima di passare in rassegna le 10 cose da poter vedere e fare in un paio di giorni con la famiglia. Anzitutto, se l’età dei vostri bimbi lo consente, al passeggino preferite la fascia o il marsupio: sono pochissimi i ponti dotati di scivolo per le carrozzine. E poi ricordate che sono pochissimi i locali veneziani (bar, osterie, ecc.) ad avere una toilette, meglio premunirsi a questa evenienza per cambi pannolino e piccole pipì e… individuare i locali baby friendly 

Palazzo Ducale

cosa vedere a venezia con i bambini
venezia per bambini
venezia con bambini
venezia con i bambini

Iniziamo dal cuore della città, Palazzo Ducale, luogo simbolo di Venezia e rappresentazione altissima della civiltà veneziana in tutti i suoi aspetti: qui viveva il doge e i suoi appartamenti oggi ospitano mostre temporanee. Si potrà optare per affascinanti percorsi che attraversano le prigioni, il Ponte dei sospiri (dove i condannati dovevano passare per raggiungere le celle) e gli “itinerari segreti”, ovvero quegli spazi segreti della Serenissima (cancellerie, archivi, prigioni…), dove si svolgevano attività delicate e importanti legate all’amministrazione dello Stato.Valutate sicuramente anche l’offerta di visite guidate e laboratori per bambini.

Piazza San Marco

cosa vedere a venezia con i bambini
venezia per bambini
venezia con bambini
venezia con i bambini

Il magnifico palazzo è affacciato su Piazza San Marco, un enorme spazio dove poter lasciar correre senza pericolo i bambini (attenzione solo a non perderli se c’è molta gente!). Senz’altro l’attrazione maggiore sarà rappresentata dai numerosissimi e socievoli piccioni. Sarà difficile distoglierli dal giocare con loro, a meno di invogliarli a entrare… in un orologio! Pochi passi ed è possibile, infatti, visitare la cinquecentesca Torre dell’Orologio: il meccanismo era per l’epoca un’opera d’arte, di scienza e di ingegneria assolutamente all’avanguardia e dava moltissime indicazioni astronomiche. Nella torre ha vissuto fino al 1998 l’orologiaio con la sua famiglia per controllare il buon funzionamento della macchina, convivendo con il suo tremendo chiasso.

Murano e Burano

cosa vedere a venezia con i bambini
venezia per bambini
venezia con bambini
venezia con i bambini

Avete ancora una giornata a disposizione? Dedicatela senza dubbio alla scoperta di due tra le produzioni più rinomate di Venezia, il vetro e il merletto, con una gita alle isole di Murano e Burano. A Murano è curioso e istruttivo vedere i maestri vetrai all’opera nelle loro fornaci e creare quasi dal nulla coloratissimi oggetti o vere e proprie opere d’arte (vi è poi anche il Museo del Vetro per approfondire). La palla di fuoco che esce dal forno a 1500 gradi diventa di volta in volta una lampada, un animaletto, un vaso, una statua. Tutto in diretta. A Burano invece le coloratissime casette creano l’effetto “paese delle bambole”, molto amato dai bambini. Pare che in origine le tinte sgargianti servissero per aiutare i pescatori a ritrovare la propria casa nelle giornate di nebbia.

Venezia per i bambini, le guide family friendly

Volete visitare Venezia a passo di bambino?  Il modo migliore è affidandosi a Venice Family Tour, un progetto di visite guidate, confezionato su misura per le famiglie con bambini. Venice Family Tour propone esperienze di visita interattive e coinvolgenti sia per i piccoli viaggiatori che per i loro accompagnatori. Scoprite tutti assieme le meraviglie veneziane attraverso laboratori e cacce al tesoro non convenzionali. Le guide vi sveleranno curiosità inedite dei luoghi iconici di Venezia, oppure, tra calli e antichi edifici, i dettagli più misteriosi e nascosti.

Conoscerete così la vera magia della città fra giochi, tradizioni e tante curiosità.

Se vi è piaciuto l’articolo e volete viaggiare ancora con noi, visitate la pagina Tramp in Trip e seguiteci su Facebook.

Previous articleCosa vedere a Berlino in tre giorni
Next articlecosa vedere a Tirana Albania: la nostra guida
Fotografo, social media manager, prossimo alla laurea magistrale. Ho voluto aprire questo blog per pura passione nei confronti dei viaggi, dei luoghi e delle piccole storie.

Rispondi