Estimated reading time: 4 minutes

Cosa vedere ad Atene in 2 giorni? Atene è la culla della civiltà del Mediterraneo: arte, filosofia, storia, ma soprattutto politica e democrazia sono nate e si sono sviluppate presso la capitale della Grecia. Purtroppo le vicende recenti di questa grande Nazione sono note, soprattutto le sue difficoltà economico-finanziarie, a cui gli esperti si sono riferiti per parlare di declino della civiltà occidentale. Dove tutto è iniziato potrebbe anche avere una fine? Non possiamo esserne certi, ma siamo sicuri che Atene trasmette il “peso della storia” a chiunque la visiti. È una città che offre molto, sia a livello archeologico, sia per quanto riguarda il mare, i divertimenti ed il buon cibo.

1 – L’Acropoli

1 acropoli

Tenete un giorno intero a disposizione per visitare come si deve l’Acropoli di Atene, patrimonio dell’Unesco e uno dei luoghi simbolo della città. Si tratta di una rocca a 156 metri sul livello del mare che, con una bellezza mozzafiato, sovrasta Atene. Presso l’Acropoli è possibile visitare resti archeologici risalenti al periodo tra il II e il V Secolo a.C. Tra le costruzioni imperdibili è possibile citare il Partenone, il tempio di Atena Nike, l’Eretteo, i Propilei, il teatro di Dioniso. Data la posizione sopraelevata, è inoltre possibile godere di una vista panoramica di tutta la città a 360°.

2 – Il Museo dell’Acropoli

9 museo dell acropoliCosa vedere a atene 2 giorni -Se visitando l’Acropoli non ne avete avuto abbastanza, potete scegliere di comprendere anche un giro al Museo. Tutto il materiale raccolto durante gli scavi è stato catalogato ed è oggi esposto proprio presso questa esposizione permanente. La visita potrà farvi comprendere in maniera più approfondita la storia dei vari ritrovamenti, nonché quella propria del territorio, dove si sono susseguite dominazione ed epoche più o meno propizie. La struttura si presenta moderna ed avveniristica, con filmati e contenuti multimediali davvero interessanti.

Esistono diverse soluzioni per visitare il Museo, dal semplice biglietto d’ingresso ad accesso prioritario al ticket combinato Acropoli+Museo.

3 – Il Tempio di Zeus Olimpio

6 tempio zeusA testimonianza della grande ricchezza archeologica della città, è possibile incontrare il Tempio di Zeus Olimpio nel cuore di Atene, a circa 500 metri dall’Acropoli, vicino a piazza Syntagma e nel quartiere Plaka. Purtroppo si tratta solo di pochi resti di quello che era un maestoso tempio dedicato al padre di tutti gli dei, ma rimane ugualmente il più grande di tutta la Grecia.

Il Tempio è visitabile pagando il biglietto singolo, tuttavia è molto meglio acquistare il ticket cumulativo che comprende tutta la zona dell’Acropoli.

4 – Quartiere Plaka

4 plakaÈ un quartiere molto frequentato dai turisti in quanto uno dei più antichi e caratteristici di Atene. Quasi completamente chiuso al traffico, si trova nei pressi dell’Acropoli e di Piazza Syntagma. Qui si trova una grande offerta di bar, ristoranti e taverne, ma anche negozi di souvenirs dove perdersi alla ricerca del ricordo perfetto. Ovviamente anche il cibo la fa da padrone, ma spesso è possibile unire al pranzo o alla cena anche spettacoli di musica dal vivo.

5 – Piazza Syntagma

3 piazza syntagmaPiazza Syntagma (Piazza della Costituzione) è il centro della moderna Atene ed è qui che si trovano il Palazzo del Parlamento e la tomba del Milite Ignoto. Proprio di fronte al Milite Ignoto si svolge il cambio della guardia da parte delle guardie greche, gli Euzoni, vestiti con la particolare uniforme caratterizzata dalla fustanella (gonnellino) e le babbucce con gli iconici pon pon. E’ un’esperienza particolarmente caratteristica che vi suggeriamo di non perdere.

La piazza è uno dei punti nevralgici del centro di Atene.Info pratiche: indicazioni, orari e prezzi

Se l’articolo vi è piaciuto vi rimandiamo alla nostra homepage e alla nostra pagina facebook

Previous articleCosa vedere a Montefiascone: l’Est Film Festival
Next articleCosa vedere ad Amsterdam in tre giorni
Fotografo, social media manager, prossimo alla laurea magistrale. Ho voluto aprire questo blog per pura passione nei confronti dei viaggi, dei luoghi e delle piccole storie.

Rispondi