Cosa vedere a Sirmione, lago di Garda: tutto e di più

Cosa vedere a Sirmione questo paese è un gioiello di arte e storia, la sottile lingua di terra di Sirmione fu definita dal poeta Catullo “Perla di tutte le isole e le penisole”.
sirmione
sirmione del garda
Sirmione

Ambiente e contesto di Sirmione

Inseriti in un ambiente naturale di grande bellezza, si possono ammirare il Castello Scaligero, tuttora considerato il più bello tra i castelli superstiti dell’età scaligera e la zona archeologica delle “Grotte di Catullo”, splendidi resti di una grandiosa villa romana entrati a far parte del Patrimonio mondiale UNESCO. Le Terme di Sirmione, già famose all’epoca romana per le proprietà benefiche e curative delle calde acque che sgorgano dal fondo del lago, sono molto apprezzate e frequentate. All’estremità della penisola di Sirmione, in posizione dominante il lago e la sottostante spiaggia di grandi sassi bianchi, si trovano i resti della villa romana che, da secoli, è denominata Grotte di Catullo. Le Grotte sono fra i più affascinanti resti archeologici di epoca romana dell’intero nord Italia e arricchiscono la visita a Sirmione. Le “Grotte”, come vennero chiamate nel Cinquecento, sono i resti di una grande villa, secondo la tradizione appartenuta al poeta latino Catullo, ed eretta tra la fine del I sec. a.C. e gli inizi del I sec. d.C. Sirmione è una fra le più affascinanti cittadine del lago di Garda e sorge sull’omonima penisola. L’accesso al centro storico (di origine medievale) avviene attraverso un ponte levatoio, fra le mura del Castello Scaligero, eretto nel 1200. Le torri e le mura merlate sono il luogo obbligato di ogni visita, perché da qui si vedono l’intero lago e il panorama collinare che lo circonda. A fianco del castello si trova la darsena, in perfetto stato di conservazione. Passato il castello, merita una visita l’antica chiesa di San Pietro in Mavino, piccolo gioiello immerso tra il silenzio degli ulivi a poca distanza dal centro storico, probabilmente costruita dai pescatori del luogo nel 700. Addentrandosi nel centro poi non si può che rimanere affascinati dai negozi, ristoranti tipici e splendide case che hanno catturato anche l’animo di Maria Callas, che qui ha lungamente vissuto. Se l’articolo vi è piaciuto vi consigliamo anche questo articolo e la nostra pagina Facebook!
Previous articleSalò sul Lago di Garda: un tesoro da scoprire
Next articleDove andare al mare in toscana?
Fotografo, social media manager, prossimo alla laurea magistrale. Ho voluto aprire questo blog per pura passione nei confronti dei viaggi, dei luoghi e delle piccole storie.

Rispondi