E’ la seconda città della Norvegia in termini di grandezza, ma non ha nulla da invidiare alla grigia e fin troppo cosmopolita capitale Oslo. Se siete alla ricerca di un soggiorno immersi nella natura e arricchito da colori e caratteristiche usanze nordiche, allora la caratteristica Bergen, definita la “porta sui fiordi norvegesi“, fa al caso vostro. cosa c è da vedere a bergen e dintorni?
Tra montagne, porti, musica e cultura, immergiamoci meglio nel “mood” nordico di Bergen attraverso le sue 10 attrazioni da non perdere.

1 -Cosa vedere a Bergen: Il quartiere di Bryggen

Quando visiti una città, non vuoi perderti i luoghi che più la rappresentano, vero? Parlo di quei simboli storici che hai visto solo in cartolina o nelle miriadi di foto che hai sfogliato per organizzare il tuo viaggio. Il quartiere di Bryggen è sicuramente il simbolo di Bergen. È l’antico centro storico della città e le casette colorate sono gli antichi magazzini. Dietro ai magazzini, si sviluppavano gli alloggi dei mercanti. Le case in legno, una vicino all’altra, sembrano sorreggersi a vicenda. Come fossero una squadra che si sostiene dopo una sconfitta. Forse trasmettono questa sensazione, a causa dell’ultimo devastante incendio che le ha quasi rase al suolo nel 1955. Poi, però, sono state ricostruite.

Addentrati nei vicoli. Odora il profumo del legno, anche di quello antico. Ammira il lavoro degli artigiani e cerca di immergerti nella storia di questo luogo così suggestivo. Le casette colorate di Bryggen hanno quel fascino antico. Quel fascino che hanno solo le case in cui il tempo trascorso si vede e le rende ancora più belle. Se ti stai chiedendo cosa fare e vedere a Bergen, ecco, questa è una di quelle cose che non puoi proprio perderti. Solo una vera e propria macchina del tempo potrebbe rendere questa zona di Bergen ancora più suggestiva. Queste casette, danno una lezione a tutti noi.

“Come? Delle case ci possono dare una lezione???”  Ebbene sì! Da grande centro commerciale, alla devastazione dopo vari incendi, alla ricostruzione: ora il quartiere di Bryggen, con le sue case di legno, è stato classificato dall’UNESCO patrimonio dell’umanità ed è visitato ogni giorno da migliaia di visitatori. Insomma, c’è sempre un buon motivo per splendere.

2 – la vista dalla Funicolare Fløibanen

Vicinissima al centro della città, a soli 150 m dal mercato del pesce, c’è la partenza per la funicolare Fløibanen. In circa 5-8 minuti, ti porterà in cima al monte Fløyen (situato a 329 m s.l.m.). Il biglietto è acquistabile nella stazione di partenza, online o dall’App. Il prezzo varia: circa 10€ nei mesi da ottobre ad aprile, mentre 135 NOK (circa 13€ per gli adulti) e 65 NOK (circa 6,50€) per i bambini, da maggio a settembre. La funicolare parte ogni 15 minuti, ma la parte più interessante è che resta aperta fino alle 23:00. Ti consiglio di salire in cima al monte Fløyen al tramonto, per avere una spettacolare vista su Bergen tinteggiata dall’arancione del sole che cala all’orizzonte. Visita il sito ufficiale per avere informazioni aggiornate sui prezzi ed acquistare i biglietti.

3 – Il lago Lille Lungegårdsvannet ed il parco

C’è un piccolo lago, al centro della città di Bergen. Vicinissimo al più grande parco di Bergen, il Nygårdsparken. Ok ma non dobbiamo mica memorizzare tutti questi nomi così complicati, no? Il succo del discorso è: clicca qui per ricevere le indicazioni su Google Maps e concediti una passeggiata in questo parco. In estate, potrebbe capitarti di vedere delle donne sulle panchine che fanno la maglia (in inverno fanno bene a farlo davanti ad un camino acceso). Niente di straordinario, ma la mia vista ha gradito molto! Un po’ come nei film.. passeggiare in questo parco è una cosa che ti consiglio di fare per rilassarti un po’ e per vedere come passano il tempo i norvegesi a Bergen.

Se l’articolo vi è piaciuto vi rimandiamo alla nostra homepage e alla nostra pagina facebook

Previous articleCosa vedere a Bruges: la guida 2021
Next articleCosa vedere a Bucarest la capitale della Romania
Fotografo, social media manager, prossimo alla laurea magistrale. Ho voluto aprire questo blog per pura passione nei confronti dei viaggi, dei luoghi e delle piccole storie.

Rispondi